Impianti di lavaggio industriali e settore medicale: i vantaggi della soluzione LOGICA BLUE

Accanto al settore dell’automotive e a quello spaziale, un altro settore dove l’utilizzo di moderni impianti di lavaggio industriali per metalli è in costante crescita è quello medicale.

Anche in questo settore, per proteggere la salute delle persone che ogni giorno sono sottoposte ad interventi chirurgici o che comunque frequentano gli ambienti ospedalieri, è stato instituito un percorso di validazione della qualità del livello di pulizia finale ottenuto che si traduce in una maggiore elaborazione tecnica degli impianti di lavaggio.

La valutazione dei risultati ottenuti in termini di pulizia sui componenti metallici e sui dispositivi di tipo medico ha lo scopo di:

  1. Monitorare continuamente l’efficacia dei cicli di lavaggio;
  2. Ottenere una misura dei residui degli agenti contaminanti, detergenti/solventi e altre particelle residue, al termine di ogni ciclo.

Muovendoci in questa direzione e restando sempre fedeli a quanto previsto dalla normativa di riferimento, ogni volta che progettiamo un impianto di lavaggio metalli destinato al settore medicale il nostro obiettivo è trovare quella soluzione che permette di lavare strumentazioni e dispositivi medici riducendo il rischio di contaminazione incrociata.

 

L’iter di preparazione per la progettazione degli impianti di lavaggio per componenti e dispositivi medici

Prima di definire le caratteristiche degli impianti e del ciclo di lavaggio, è necessario analizzare i seguenti aspetti così da identificare con la massima precisione i bisogni quantitativi e le necessità qualitative che gli impianti devono essere in grado di soddisfare:

  • il livello di pulizia finale;
  • i costi associati al ciclo di lavaggio e al solvente o detergente utilizzato;
  • la quantità di residui al termine di ogni ciclo di lavaggio dei componenti metallici e speciali;
  • la tipologia di detergente che si vuole utilizzare, il suo livello di tossicità, di compatibilità e sicurezza.

Nel panorama delle macchine per la pulizia dei componenti metallici nel settore medicale ci sono diverse tecniche di lavaggio, diversi iter di validazione dei risultati di pulizia raggiunti.

FIRBIMATIC, grazie al proprio reparto di Ricerca e Sviluppo, ha investito in questi anni nella tecnologia ad acqua e detergente: il risultato di tutti i nostri sforzi è la linea Masterwash che permette programmi di lavaggio personalizzabili, non richiede l’utilizzo di solventi e favorisce una drastica riduzione dei consumi.

Perché non affidarsi esclusivamente al metodo di pulizia manuale dei dispositivi medici e dei componenti metallici

Accade spesso che non sia possibile investire in un sistema di lavaggio industriale per metalli o che le quantità di componenti da trattare siano ridotte, questo spinge molte aziende a scegliere la strada del lavaggio manuale.

Riteniamo opportuno, dove le circostanze lo rendono possibile, inserire il lavaggio manuale dei componenti metallici all’interno di un ciclo di lavaggio che prevede di trattare i dispositivi medici con detergenti a base acquosa, mediante ultrasuoni o con un lavaggio a pressione.

È sconsigliato affidarsi esclusivamente al lavaggio manuale perché non si ha modo di effettuare alcun tipo di monitoraggio, è difficile quantificare la quantità di residui di contaminanti al termine del ciclo e ridurre la probabilità di contaminazione incrociata.

È necessaria molta manodopera e risorse e questo fa lievitare enormemente i costi!

 

Macchine per il lavaggio dei componenti metallici: la disinfezione dei dispositivi medici

Per il lavaggio dei componenti metalli e dei dispositivi destinati al settore medicale FIRBIMATIC ha progettato e realizzato un impianto di lavaggio industriale che sfrutta la tecnologia ad acqua e che permette di garantire il livello di pulizia richiesto dal cliente finale.

Logica Bue è un impianto di lavaggio industriale per metalli che prevede un sistema di caricamento dei componenti frontale che ruota lungo un asse orizzontale e che permette di eliminare residui e contaminanti da minuterie con superfici complesse sfruttando:

  • detergenti biodegradabili;
  • la possibilità di immettere il liquido sotto il livello di immersione del cestello;
  • un ciclo di aspersione a pompe rotanti.

Come avviene il ciclo di lavaggio

Un importante punto a favore degli impianti di lavaggio per metalli Logica Blue è l’ampia possibilità di personalizzazione e la presenza di diversi serbatoi (da 1 a 5 per l’esattezza) che permettono di eseguire diversi cicli di lavaggio.

Le fasi che caratterizzano il ciclo di lavaggio di questa macchina sono: pulizia delle superfici, asciugamento, scarico.

Durante la fase di lavaggio i componenti da trattare vengono posizionati nel cesto: la prima pompa invia un liquido composto da acqua e detergente nella camera di lavaggio attraverso un filtro a cartuccia che, al termine della pulizia, trattiene impurità e residui solidi.

Attraverso la seconda pompa viene inviata acqua demineralizzata dal serbatoio alla camera di lavaggio: al termina di questa fase lo stesso liquido viene rimandato nel serbatoio privo dei rifiuti solidi che vengono trattenuti dal filtro.

Si arriva dunque alla fase di asciugamento mediante un ventilatore che aspira l’aria calda ed umida che si trova nella camera di lavaggio: siamo in presenza di un circuito chiuso in grado di garantire l’asciugatura completa delle parti.

La fase finale è quella dello scarico quando la porta di carico viene aperta: grazie all’attivazione di un ventilatore che aspira l’aria dalla camera e la scarica nel camino è possibile evitare che i vapori interferiscano durante le operazioni di scarico.

 

Scopri la gamma di macchine per il lavaggio dei componenti metallici di FIRBIMATIC e CONTATTACI SUBITO per un PREVENTIVO GRATUITO!