La manutenzione chimica degli impianti a solvente durante la pausa estiva

Estate: tempo di ferie, chiusure aziendali e … fermo macchina!

Come tutti sanno la manutenzione periodica delle macchine è fondamentale per un corretto e prolungato funzionamento degli impianti di lavaggio per metalli e non dovrebbe essere interrotta in estate durante il periodo estivo delle ferie.

In particolare, per gli impianti di lavaggio a solvente un periodo di inattività prolungato potrebbe provocare anomalie e problemi di vario tipo al momento della ripresa delle attività a regime.

Insieme a SAFECHEM abbiamo creato questa breve guida con consigli semplici da mettere in pratica per una corretta manutenzione dei solventi in caso di fermo macchina.

Quando qualcosa nel tuo impianto di lavaggio a solvente non funziona correttamente

manutenzione impianti solvente firbimaticUna minor concentrazione di stabilizzante, aumento del livello di acidità, scolorimento da blu a verde delle fasi solvente e acquosa, formazione di ruggine nel separatore dell’acqua ..

Ecco una serie di segnali che non dovrebbero essere sottovalutati in seguito ad un periodo di fermo macchina prolungato in quanto suggeriscono che qualcosa nel solvente è cambiato.

Ma cosa provoca questi “cambiamenti”?

Le cause principali dei cambiamenti nel solvente

Quando un impianto di lavaggio a solvente viene spento per la pausa estiva dell’azienda a seguito di un periodo di attività molto intenso è possibile notare come il solvente che si trova nel serbatoio di lavaggio, nel separatore dell’acqua e all’interno dell’unità di distillazione (o nel generatore di vapore):

  • abbia livelli di stabilizzazione differenti;
  • sia stato esposto a fonti di contaminazione diverse.

Durante il periodo di pausa la stabilizzazione e la distillazione del solvente non vengono eseguite e questo provoca una continua formazione degli acidi anche quando la temperatura è più bassa.

Così, quando l’azienda riapre, si assiste ad una forte riduzione dello stabilizzante o, in alternativa, ad un notevole incremento deli livelli di acidità.

Queste circostanze sono frequenti quando l’azienda utilizza nel proprio impianto di lavaggio per metalli quantità consistenti di oli clorurati.

La prima cosa che suggeriamo di fare ai nostri clienti è un controllo e una manutenzione frequente del solvente prima di riprendere con la normale attività al fine di valutare le condizioni dello stesso e prendere gli adeguati provvedimenti.

Vediamo, nello specifico, quali sono le azioni da mettere in pratica.

Manutenzione del solvente negli impianti di lavaggio metalli, ecco delle semplici linee guida da applicare

Sia nel caso in cui il fermo macchina sia programmato o, al contrario, sia inaspettato esistono una serie di accorgimenti che tutte le aziende che utilizzano un impianto di lavaggio a solvente dovrebbero osservare PRIMA e DOPO il periodo di pausa.

Vediamo i dettagli.

Sei mesi prima della pausa programmata è bene valutare la necessità di eseguire una scrupolosa manutenzione dell’impianto di lavaggio per metalli.

In caso di esito positivo della precedente valutazione, almeno un mese prima dello stop, l’azienda dovrebbe richiedere un’analisi del solvente utilizzato.

Il giorno precedente alla chiusura degli impianti consigliamo di aggiungere al solvente il massimo dosaggio di stabilizzante consigliato e di far funzionare la macchina senza componenti per un ciclo intero: al termine di questo processo di distillazione consigliamo di effettuare un nuovo test sul solvente.

La prima cosa da fare il giorno successivo alla riapertura dell’azienda, e prima di riavviare l’impianto di lavaggio metalli, è un controllo scrupoloso:

  • della presenza di ruggine nel separatore dell’acqua;
  • del livello di scolorimento del solvente.

È chiaro che in caso di ruggine ed elevato scolorimento è necessario richiedere un’analisi immediata del solvente, svuotare l’unità di distillazione per poi riempirla con del solvente pulito.

In caso contrario è possibile procedere l’accensione dell’impianto di lavaggio a solvente con le dovute precauzioni, ovvero:

  • trascorsi 2 giorni dal riavvio dell’impianto effettuare un nuovo test sul solvente e, in caso di esito negativo, aggiungere il massimo dosaggio di stabilizzante;
  • il giorno successivo, quando sono trascorsi ormai 3 giorni dal riavvio della macchina, è necessario effettuare un nuovo test;
  • nella settimana successiva al riavvio dell’impianto di lavaggio è consigliabile effettuare un nuovo test.

In caso di ESITO POSITIVO possiamo considerare OPERATIVO il nostro solvente mentre, in caso di ESITO NEGATIVO, è bene svuotare nuovamente l’unità di distillazione riempendola con solvente nuovo contattando il Servizio di Assistenza.

Stai programmando la pausa estiva e vuoi valutare lo stato del solvente del tuo impianto di lavaggio per metalli? CONTATTACI SUBITO!